sabato 26 novembre 2011

GLI INTRADUCIBILI (?): CREEPY


Il primo significato è "che striscia (o si muove) lentamente"; ma a noi interessa il suo, diffusissimo, senso figurato, che il Ragazzini traduce con "che fa accapponare la pelle". Deriva dal verbo Creep, insinuarsi, avanzare a poco a poco e furtivamente. A Creep (sostantivo): familiare per "individuo disgustoso" (ma questo si allontana dal significato originale).

Creepy appartiene al linguaggio familiare e potremmo, in modo approssimativo, tradurlo con "da paura". Un tempo a "creepy film" o creepy story era una cosa tipicamente inglese; ora ci sono anche ragazzi e adulti italiani che li apprezzano.

Anche se a volte sono usati come sinonimi, "Creepy" sta a "Horror" come "(British) humour" sta a "comico": in entrambi i casi, il primo elemento è molto più sottile. Se "comico" vuole che tu rida ad alta voce e horror ti dice guarda che paura che ti faccio, humour si accontenta di far sorridere chi capisce, o al limite di sorridere anche da solo; e creepy ti inquieta, ma a volte non sapresti spiegare perché.

10 commenti:

  1. Grazie per questo post, sul serio. Io, per ragioni prettamente musicali ("Scary monster and super creeps" di Bowie ed ancora "creep"dei Radiohead) conoscevo il sostantivo e pensavo pertanto, erroneamente, che l'aggettivo avesse un signficato analogamente forte. Cosa che invece non é. Grazie per questa delucidazione, questi tuoi "intraducibili" sono sempre molto interessanti e piacevoli da leggere.

    RispondiElimina
  2. @ Daniele: grazie a te per i complimenti! Comunque sì, poi c'è anche "creepy crawley" usato dai bambini per indicare gli insetti (perché strisciano e "brulicano" dice il dizionario...) ma "creepy" ha, appunto, un significato diverso e più divertente.

    RispondiElimina
  3. Non ne sapevo proprio nulla! Non conoscevo affatto il termine.

    RispondiElimina
  4. @ Adriano: è proprio quello il bello lol!

    RispondiElimina
  5. Che poi se noi nella nostra lingua non abbiamo il corrispettivo un motivo ci deve essere, così come per altri lemmi. E anche nei dialetti ce ne sono di intraducibili.

    RispondiElimina
  6. @ Alberto: sì, il fatto che i dialetti italiani siano molto più espressivi della lingua "ufficiale" affascina anche me. E' proprio vero che la globalizzazione non riesce a livellare le differenze culturali - per fortuna lol.

    RispondiElimina
  7. Cara Licia,
    grazie! Le tue chicche sono sempre interessanti e fanno riflettere.

    RispondiElimina
  8. ottimo, non lo sapevo
    un saluto

    RispondiElimina
  9. @ Enrica ed Ernest: grazie a voi. Il prossimo intraducibile sarà completamente diverso...a presto.

    RispondiElimina
  10. Ecco la linea di fondo: la stragrande maggioranza delle persone che ricordano Ms. Pacman gioco sono alla disperata ricerca di nuovi modi per riconnettersi con il gioco che amavano. Pertanto, se questo è qualcosa che è di interesse per voi, allora si può certamente arrivare a giocare alcune versioni online di un gioco lì. E 'interessante e impegnativo come quando si gioca Ms. Pacman al porticato.

    RispondiElimina

I vostri commenti mi fanno molto piacere. Se siete Gentle Readers ma non Gentle Bloggers, potete cliccare su "Nome /URL" ed inserire un vostro "nick" nel campo "nome"; in questo modo potete, se lo desiderate, mantenere il riserbo sulla vostra identità, evitando però l'antipatica dicitura ANONIMO. Se queste spiegazioni sono incomprensibili commentate come volete, purché ovviamente nel rispetto di tutti; mi fa comunque piacere aver suscitato il vostro interesse.