domenica 28 giugno 2009

I LOVE RADIO ROCK





Mi fa piacere che questo film, proiettato a Genova in un cinema fuori dai grandi circuiti, abbia avuto successo; in rete ne hanno già parlato alcuni bloggers più sensibili.

Forse l'unica cosa che non mi è piaciuta è stata la versione italiana del titolo, di una banalià tale che ha spinto alcuni commentatori a trovare melenso tutto il film (e non lo è, secondo me). Certo The Boat that Rocked, cioè la barca che rollò, che rischiò il naufragio - ma è evidente anche il riferimento al rock 'n roll - non era facile da tradurre: ma perché non lasciare il titolo originale, come si è fatto in altri casi - ad sempio Lost in Translation, The Unbreakable, ecc.? chi va a vedere quel genere di film secondo me conosce, o almeno ama, abbastanza l'inglese da non meritarsi la semplificazione di un titolo così scontato.

A me è piaciuto per la musica, certo; per l'ironia; per ricordare quei tempi, le "radio libere"; per il tema della libertà. Ho apprezzato, in particolare, l'umorismo di alcune scene: il sussulto della moglie "perfettina" quando a casa del ministro viene tirato il cracker, che emette un suono lievissimo, e il contrasto con la festa sgangherata a bordo della nave; ma soprattutto la scena del naufragio in cui Carl deve convincere il vecchio disc-jockey, che ha scoperto essere suo padre, ad abbandonare la cabina rinunciando alla cassa dei dischi per lui preziosi. E' una scena muta, che in modo surreale, si svolge sott'acqua; vediamo quindi solo i gesti imperiosi del ragazzo ormai cresciuto, che indicando al padre sciroccato la cassa da abbandonare, lo costringe a reagire e a ricollegarsi con la realtà. Spiritoso, ma anche profondo e commovente: Carl, che non aveva mai conosciuto suo padre, quando scopre che si tratta dell'artistoide drogato che la mattina lascia la tavola (tranquillissima) della colazione dichiarando "E' frenetico qui" lo accetta immediatamente; lo ama com'è. Sì, insomma; come diceva una mia amica, è cine. Bellissimo cine, però.

2 commenti:

  1. Interessante... Penso che andrò a vederlo...

    Enrica

    RispondiElimina

I vostri commenti mi fanno molto piacere. Se siete Gentle Readers ma non Gentle Bloggers, potete cliccare su "Nome /URL" ed inserire un vostro "nick" nel campo "nome"; in questo modo potete, se lo desiderate, mantenere il riserbo sulla vostra identità, evitando però l'antipatica dicitura ANONIMO. Se queste spiegazioni sono incomprensibili commentate come volete, purché ovviamente nel rispetto di tutti; mi fa comunque piacere aver suscitato il vostro interesse.