giovedì 17 marzo 2011

Festa dell'Unità d'Italia

I miei Gentle Readers più fedeli sanno che, in genere, aborro la retorica, le celebrazioni ufficiali, il politically correct ad ogni costo.

Ma di questi tempi, è diverso. Forse è ora di riesumare alcune vecchie cose, come, ad esempio, il rispetto; l'orgoglio di essere onesti e di rappresentare in modo degno il proprio paese; sì, la dignità, perfino.

E perciò dico: viva l'Italia, viva l'Italia unita e chi ci ha creduto e ci crede davvero.

4 commenti:

  1. Al bando la retorica sì, però viva l'Italia.

    RispondiElimina
  2. Certo Licia,
    Viva l'Italia, davvero!

    RispondiElimina
  3. Viva!:-)

    Luposelvatico

    RispondiElimina
  4. Ciao Licia, tutto bene?
    Condivido pienamente.
    Nonostante errori anche gravi commessi in passato, l'unità del Paese ci dà un senso, una direzione ed un "sapore" di solidarietà e di amicizia che dobbiamo recuperare. Assolutamente!
    Un caro saluto.

    RispondiElimina

I vostri commenti mi fanno molto piacere. Se siete Gentle Readers ma non Gentle Bloggers, potete cliccare su "Nome /URL" ed inserire un vostro "nick" nel campo "nome"; in questo modo potete, se lo desiderate, mantenere il riserbo sulla vostra identità, evitando però l'antipatica dicitura ANONIMO. Se queste spiegazioni sono incomprensibili commentate come volete, purché ovviamente nel rispetto di tutti; mi fa comunque piacere aver suscitato il vostro interesse.